Israele 2018 - amicizia ec romagna

Cerca nel sito 
Vai ai contenuti

Menu principale:

Israele 2018

Attività > Viaggi
 

Viaggio in Israele 2018

Da alcuni anni seguo con molto interesse un corso di Ebraico Biblico, tenuto dalla Signora Maria Angela Baroncelli Molducci, nella parrocchia di Ravaldino a Forlì,e appartengo anche alla Associazione dell’Amicizia Ebraico-Cristiana della Romagna.
Nei primi mesi del 2018 tramite l’associazione e la Federazione delle Amicizie,sono venuto a conoscenza della organizzazione di un viaggio in Israele a cui abbiamo aderito io e mia moglie.  
Il viaggio è iniziato il 1° maggio a Milano e terminato l’8 maggio.  Eravamo un gruppo di una decina di persone guidate dal coordinatore del Tribunale Rabbinico del Centro-Nord Italia Dott. Vittorio Robiati Bendaud che, con capacità e grande conoscenza dei luoghi, della cultura e delle Religioni, ci ha fatto conoscere la storia, la vita e l’attualità di questo Paese.  Il viaggio si è snodato dal mar Morto, a Ein Bokek, quindi nel deserto del Neghev dove abbiamo visitato i resti di Avdat, città Nabatea. Nel deserto di Tzin a Sde Boker si trova il kibbutz, ultima dimora di David Ben Gurion e della moglie Paula.  Di grande interesse è stata la visita del palazzo fortezza di Masada, fatto costruire da Erode il Grande, perché fra quei resti il pensiero andava alle centinaia di ebrei zeloti che nel 70 d.c. si suicidarono per non cadere schiavi dei romani.  Gerusalemme è la città che mi ha regalato le maggiori emozioni poiché offre moltissime cose, dal punto di vista religioso, storico, culturale, che esaltano nel proprio intimo grandi sentimenti.  In particolare mi riferisco alla Città di Davide, al Muro Occidentale, al Monte degli Ulivi e all’Orto del Getshemani. Una particolare commozione l’ho provata nella Basilica del Santo Sepolcro visitata  al mattino prestissimo quando era ancora pressoché deserta.  Durante la visita alla Sinagoga dell’Ospedale Hadassah ho potuto ammirare le vetrate colorate create e regalate da Chagall.   La commozione più grande l’ho vissuta allo Yad Va-Shem, testimonianza degli orrori subiti dagli ebrei, al cui interno c’è una particolare sezione dedicata ai bambini.  A Tel Aviv abbiamo visitato la sala del vecchio museo nella quale Ben Gurion annunciò la nascita dello Stato di Israele.  Sono convinto che queste poche parole e queste poche immagini possono solo lontanamente rendere le emozioni vissute.
                                                          LUIGI POZZOBON



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu